Piastra per waffle: cos'è e come funziona

Svegliarsi al mattino con un dolce profumo di waffle, che pervade tutta la casa con i sentori della colazione, è il modo migliore per iniziare la giornata. I waffle sono irresistibili tentazioni che abbiamo importato dal Nord Europa e facilissimi da realizzare in tempi rapidi. Potresti comprarli già pronti o surgelati, ma la soddisfazione di prepararli in casa con una piastra e mangiarli appena fatti non ha eguali.

Proprio così, la piastra per waffle è l’attrezzo che – in pochi minuti – ti donerà preparazioni gustose e anche belle da portare in tavola. Sai già come usarla e a quanti utilizzi si presta?

Di seguito, ti sveliamo i passaggi essenziali per prendere dimestichezza con la tua piastra e sbizzarrirti in tante preparazioni differenti.

Innanzitutto, occorre preparare e mescolare gli ingredienti di base e potrai realizzare in pochissimi minuti dei soffici waffle. Bastano davvero pochi componenti, di solito tutti presenti nella dispensa di casa: uova, latte, burro, zucchero, farina, lievito per dolci e l’aroma che preferisci. Ma ci sono versioni anche senza burro o con la mela grattugiata e la cannella

Unisci il tutto con una frusta per dolci, amalgamando bene il composto, bastano pochi minuti. Intanto avrai trovato l’angolo adatto in cui riporre in cucina la tua piastra per waffle: una superficie piana in grado di sopportare il calore che il dispositivo sprigionerà durante il suo utilizzo.

Preriscalda per alcuni minuti la piastra, perché dovrà essere ben calda quando verserai il composto nelle sue celle imburrate, questo affinché il waffle si stacchi facilmente.

sana colazione con waffle
leccornie con waffle

Le piastre per waffle moderne in pochi minuti raggiungono le temperature desiderate in base al tuo gusto: regola il termostato per ottenere diversi gradi di doratura e otterrai così il tuo waffle su misura. In pochi minuti potrai gustare waffle caldi e fragranti, da accompagnare con i dressing più disparati: cioccolato, miele, sciroppa d’acero o marmellata!

Piano piano prenderai dimestichezza che la tua piastra e potrai sbizzarrirti anche in preparazioni diverse, come pancake e toast salati o panini per hot dog, in base agli accessori che la tua macchina offre.

Piastra per waffle: costi

Realizzare gustosissimi waffle direttamente a casa tua – e con l’attrezzo giusto – non richiede spese esorbitanti. Infatti, nel panorama delle opportunità d’acquisto ci sono piastre per waffle per tutte le tasche, dalle più economiche a quelle più professionali, che variano a seconda delle funzioni e delle caratteristiche che le contraddistinguono. 

piastra per waffle in funzione

In base all’utilizzo che intendi farne, potrai acquistare piastre di qualità a partire dai 15 euro, fino a superare le centinaia di euro, per macchine sicuramente più robuste e semi-professionali.

Le caratteristiche che decretano le performance della piastra per waffle e incidono sul prezzo d’acquisto sono senza dubbio materiali, temperatura, potenza, alimentazione, componenti, capacità (quanti waffle potrai sfornare contemporaneamente) e forma. Se stai valutando le opportunità presenti sul mercato per decidere di acquistare la tua piastra, questo è il sito che fa per te: in queste pagine troverai disponibili tanti modelli diversi, con caratteristiche e prezzi differenti. Impossibile non trovare la piastra per waffle adatta alle tue esigenze!

Piastre per waffle: forme disponibili

Hai deciso di organizzare una colazione o un brunch domenicale, invitare gli amici e destare la loro invidia? Allora non ti resta che portare in tavola anche i waffle dalle forme più disparate. 

Grazie alla possibilità che tante piastre offrono di sostituire sullo stesso dispositivo stampi diversi, potrai realizzare waffle non solo estremamente gustosi, ma anche bellissimi e accattivanti da vedere.

Le combinazioni disponibili in commercio sono moltissime: dai classici rettangoli bucherellati tipici della tradizione belga, agli stampi a cuore, romantici e che producono waffle generalmente più sottili e friabili. Ma non finisce qui: i più golosi apprezzeranno particolarmente gli stampi a noce, realizzati con una speciale piastra che consente di ottenere una forma concava da farcire all’interno con creme e ripieni golosi. La capienza della tua piastra decreterà anche la velocità con cui riuscirai a realizzare il tuo waffle. Per un uso familiare, in genere, le piastre più usate riescono a ospitare contemporaneamente dai 2 ai 5 waffle, in base alle diverse forme.

piastra e waffle dopo la preparazione

Piastre per waffle: materiali

Una delle discriminanti da tenere d’occhio quando ti prepari all’acquisto di una piastra è sicuramente il materiale di cui sono composte le sue parti esterne e  – in particolar modo-  i componenti degli stampi.

piastra per waffle in funzione

Quelle che incontrano maggiormente il favore dei consumatori sono senza dubbio gli stampi realizzati in ghisa, materiale che ha la capacità di diffondere il calore in modo uniforme in tutte le sue parti per donare la stessa cottura ad ogni angolo del waffle. Sono facili da pulire, perché non trattengono l’impasto, che si stacca senza particolari resistenze. Per il corpo della tua macchina accertati che il materiale di cui si compone sia in grado di fronteggiare le alte temperature e che non si scaldi troppo durante l’utilizzo, compromettendo il tuo lavoro con il rischio di bruciature.

Piastre per waffle: alimentazione elettrica

Nel mercato delle piastre per produrre waffle i modelli si differenziano anche in relazione  alla diversa alimentazione del dispositivo.

Ad oggi gli esemplari più diffusi sono quelli elettrici, che hanno un range di potenza che va dai 200 agli oltre 2000 watt per gli usi professionali, garantiscono tempi di riscaldamento abbastanza rapidi e uniformi e una migliore esperienza d’uso.


Non mancano però, esempi di piastre alimentate a gas o con altre fonti di calore. Ed anche qui i modelli variano in base ad esigenze e professionalità. Da versioni più semplici, che vanno scaldate sul fornello o sulla brace e sono formate da due segmenti con all’estremità fissata la piastra da scaldare e girare a mano, fino a macchinari a gas per usi industriali e semi-industriali, che hanno la fiamma appena sotto alle piastre, di certo meno confortevoli da spostare e trasportare rispetto a quelle con alimentazione elettrica.

La destinazione d’uso è fondamentale per decretare l’alimentazione migliore per le tue piastre da waffle.

piastra per waffle in funzione

Piastre per waffle: marchi

Su questo sito è possibile valutare prezzi, caratteristiche e proprietà dei vari modelli che i brand propongono.

Tra i più venduti e certificati troviamo le piastre per waffle dei migliori marchi di elettrodomestici come Ariete, che presenta nel modello 187 Waffle Maker una variante molto apprezzata dagli utenti: il rivestimento della scocca esterna che richiama gli elettrodomestici vintage anni ’60, particolarmente in linea con i gusti degli arredatori più attenti.

Tra i marchi noti che garantiscono qualità troviamo Tefal, che presenta modelli con componenti lavabili in lavastoviglie e che si adattano anche alla preparazione di toast e cialde; e ancora Krups con modelli in acciaio inox con piastre antiaderenti ad alta potenza; Moulinex, che offre anche soluzioni casalinghe salvaspazio e di ridotte dimensioni per non rinunciare alla dolcezza del vostro waffle anche a piccole dosi.

L’elenco dei prodotti è davvero vastissimo: tra le infinite varietà di piastre di manifattura italiana o realizzate all’estero c’è sicuramente quella adatta a te: consulta il nostro sito, compara i modelli e scegli la piastra per waffle adatta alle tue aspettative: soffici waffle ti aspettano!